Architettura e vita

Al fine del perpetuarsi della vita, auspicabilmente sempre più umana, l’atto sessuale è una condizione necessaria ma non sufficiente. Occorre qualcosa in più; occorre l’intreccio spontaneo e appagante di quei mille e mille desideri che tutti gli innamorati conoscono bene; occorre insomma quell’intesa spirituale, non necessariamente eterna, che da sempre si chiama amore. Altrettanto si può dire dell’architettura: il momento del pratico costruire, quello propriamente edile, è un presupposto necessario ma non di per sé sufficiente. Perché ci sia architettura e non solo edilizia, occorre qualcosa in pìù, occorre la visione di un mondo possibile, diverso e migliore, che può nascere solo dall’amore spontaneo per la verità e l’umanità.

(pp) Maggio 2000

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.